Meduse, quando non serve evolversi…

Più di 650 milioni di anni e non sentirli

Siamo prima dell’esplosione del Cambriano, avvenuta circa 650 milioni di anni fa, e le meduse erano già presenti sulla terra, o meglio ancora, nelle acque di tutti i mari, alcune ricerche parlano addirittura di circa un miliardo di anni. Gli esseri viventi più antichi dei nostri mari e fin dalla loro prima apparizione non hanno avuto il bisogno di evolversi, sono rimaste esattamente come erano in origine.

Prive di un cervello, eleganti e spesso dannate, ma è tutto vero ciò che si dice su di loro? Munite di poche cellule nervose sparse su tutto il corpo composto dal 98% di acqua, non hanno però un centro di controllo o cervello, ciò lascia ben sperare la “specie umana”… O forse no?! Non c’è dubbio che, guardandole muoversi in acqua si resti ogni volta ammaliati dalla loro danza, quasi ipnotizzati, neanche le sirene della Baia di Ieranto su Ulisse e i propri compagni di viaggio ebbero così successo…

aulyssesmosaicinthebardonationalmuseumtunisia_dennisjarvis_2012_wikipedia

Alla loro ipnotica acquaticità contrappongono capacità urticanti, ma è sempre così? Nel Mediterraneo sono presenti varie specie di meduse, ma non tutte sono urticanti, vediamo nel particolare quelle che si incontrano più spesso.

occhio-alla-medusa-poster

Specie urticanti: Pelagia noctiluca, Aurelia Aurita, Chrysaora hysoscella, Cassiopea adromeda.

Specie non urticanti: Rhizostoma pulmo, Cothyloriza tubercolata, Velella velella, Phyllorhiza punctata.

Come comportarsi nel caso di “puntura” da parte di una medusa? Sciacquare abbondantemente la parte, preferibilmente con la stessa acqua di mare, rimuovere i filamenti rimasti sulla pelle, applicare un gel astringente al cloruro di alluminio (si vende in farmacia), recarsi al pronto soccorso o chiamare il 118 in caso di complicazioni. Cosa non fare? Evitiamo i rimedi della nonna, quindi no ad urina e ammoniaca, non grattarsi.

Ricordate il progetto la scienza dei cittadini di cui si è parlato nell’articolo Snorkeling, il mare per tutti? Anche per le meduse è possibile partecipare ed inviare i propri avvistamenti, uno dei modi è quello indicato nel poster precedente.